Passeggiate consapevoli, passeggiate felici

Qualche consiglio per passeggiare insieme, socializzare e fare conoscenza in maniera corretta e sicura per i nostri amici bulli!

logoBTRI piccolo copia

logoBTRI piccolo copia

logoBTRI piccolo copia

logoBTRI piccolo copia

logoBTRI piccolo copia

 

INNANZITUTTO, IMPARIAMO AD OSSERVARE IL NOSTRO AMICO, COGLIENDONE DISAGI, PAURE, STRESS. 

Così si prevengono eventi spiacevoli, e si rispetta la sicurezza e la serenità di tutti.

 

  • USIAMO LA DISTANZA: non imponiamo ai cani un incontro improvviso e troppo ravvicinato. Rispettiamo le loro distanze, imparando ad osservare eventuali segnali di disagio.
  • LINEE CURVE, AVVISTAMENTO SICURO: tenere una linea di cammino curva e non frontale e diretta aiuta il nostro bull ad avvistare l’altro cane senza viverlo come una minaccia. Potrà studiarlo con più calma!
  • NON IMPONIAMO L’INTERAZIONE AL GUINZAGLIO: molti cani non vivono serenamente l’interazione se sono a guinzaglio. Non forziamoli, e se vediamo che sono a disagio, riprendiamo a camminare allontanandoci dall’altro cane e dando al nostro una via sicura per ritrovare la calma.
  • RUBY E JOAN LUIGUINZAGLIO CORTO SE TIRA ARIA DI GUAI: se avvistiamo un cane agitato e con intenzioni poco amic
    hevoli, accorciamo il guinzaglio tenendo il nostro bull vicino a noi, possibilmente cambiamo strada ed evitiamo incroci o passaggi troppo ravvicinati

 

  • OCCHI APERTI: se stiamo chiacchierando o smanettando al cellulare, manteniamo l’attenzione sul nostro amico, controlliamo che per la nostra distrazione non sia sopraggiunto un cane bellicoso, o che mentre noi facciamo gossip non si avvicini a lui qualcuno o qualcosa che possa dargli fastidio (classica donnina con voce stridula pronta a posargli la mano sul testone……)
  • NOI CHIACCHIERIAMO E LORO SI ACCAPIGLIANO: la sosta forzata in presenza di un altro cane è la situazione perfetta per scatenare zuffe e per infastidire il nostro amico. Se dobbiamo parlare con un umano e anche lui ha un cane al guinzaglio, facciamolo camminando, muovendoci, non piantiamoci lasciando che i cani si trovino forzatamente vicini. E’ stressante per loro ed è un terreno fertile per risse o agitazione massima…..
  • OCCHIO AL NASTRINO: se il cane che incontriamo ha un nastrino giallo annodato al guinzaglio, significa “ehi, conosciamoci ma con calma ed a distanza. “ Manteniamo distanza e calma, e non perdiamo di vista il nostro amico bull. Se il nastrino è rosso significa che l’altro cane non gradisce interagire con i propri simili, dunque rispettiamolo e possibilmente cambiamo strada.mia cucciola
  • NIENTE ASSALTI: una regola generale, ma sempre valida. Non fiondiamoci mai addosso ad altri umani con cani al seguito, e non lasciamo che lo facciano al nostro bull. L’incontro è una cosa positiva ma non deve essere un assalto, né da parte di altri cani né da parte di altri umani. Rispettiamo e facciamoci rispettare!
  • TUCA TUCA TUCAAAA: i cani socializzano e si conoscono annusandosi culi, patate e piselli….noi non lo facciamo, ma non dobbiamo trasferire i nostri imbarazzi al nostro amico che sta correttamente approcciando ad un suo simile. Lasciamo che si annusino i posteriori, e non intromettiamoci fisicamente, infilando mani e dovendo accarezzare il cane… se la situazione è sotto controllo, sorvegliamo felici un rituale canino che è perfetto così com’è. tano maddy
  • MORBIDI, NON COSTRETTI: se ci sono buone premesse per socializzare, lasciamo che i nostri bull lo facciano non sentendosi appesi al guinzaglio. Diamo loro un po’ di spazio, e non teniamo il guinzaglio teso. Vigiliamo, ma lasciamo loro un po’ di movimento e possibilità di azione.

 

Isabella per il BTRI

www.btri.org

logoBTRI piccolo copia